Peste suina africana, Efsa: rischi da mangimi, lettiere e trasporti

Efsa
L'ultimo parere dell'Efsa sulla Psa esamina il rischio che il virus venga introdotto in regioni dell'Ue ancora indenni attraverso canali come mangimi, materiali per lettiere e veicoli per il trasporto di suini di ritorno vuoti dalle zone colpite

Il parere dell'Efsa, pubblicato proprio oggi 27 aprile 2021 sul sito dell'Efsa (https://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/pub/6558), conclude che il potenziale di trasmissione tramite queste vie è più basso rispetto ad altre (ad esempio il trasferimento di maiali domestici vivi o il contatto tra cinghiali selvatici e maiali domestici ) ma il rischio non può essere escluso completamente.

E’ stato sviluppato un modello per classificare il rischio connessi alle diverse vie - o matrici - usando i risultati di un esercizio di elicitazione della conoscenza di esperti (EKE). L’EKE si è basato su evidenze provenienti da una ricerca in letteratura e da una consultazione pubblica.

EfsaDiciassette prodotti e matrici sono stati valutati e classificati per la loro probabilità relativa di venire contaminati dal virus nelle zone interessate dalla PSA e di infettare i suini in zone indenni. I mangimi composti (pastone, pellet), gli additivi per mangimi e i veicoli contaminati sono risultati essere in cima alla classifica.

Per ridurre il rischio che il virus venga introdotto negli allevamenti suini tramite mangimi, materiali da  lettiera e veicoli da trasporto, il parere scientifico raccomanda la stretta osservanza dei processi di decontaminazione e di immagazzinaggio del caso per tutti i prodotti movimentati da zone interessate dalla Psa a zone indenni.

Leggi l'articolo completo: Scientific opinion on the ability of different matrices to transmit African swine fever virus

Fonte: Efsa

Peste suina africana, Efsa: rischi da mangimi, lettiere e trasporti - Ultima modifica: 2021-04-27T14:55:37+02:00 da Rivista di Suinicoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome