Guerra Russia-Ucraina: l’Asia come possibile vincitrice

L’entrata in una nuova era diplomatica ed economica potrebbe rafforzare l’export di carni suine e grano dalla Russia all’Asia, e in particolare alla Cina, esacerbando la competizione in quest’area tra esportatori europei e americani

La guerra in Ucraina è causa di grande tensione sui mercati riguardo le materie prime per mangimi, con assai probabili ripercussioni sui costi dell’allevamento di bestiame in Europa. Per quanto riguarda il mercato della carne suina, gli impatti principali saranno soprattutto indiretti.

Il commercio di prodotti di carne suina dell'Ue con l'Ucraina è effettivamente limitato, mentre quello con la Russia si era già notevolmente ridotto nel 2014, con la Peste suina africana e il primo embargo economico.
Le principali ripercussioni di questa guerra si hanno sulle materie prime e in particolare sui prezzi del grano e del mais, essendo Russia e Ucraina due grandi produttori mondiali ed esportatori di cereali. In 10 anni, la Russia ha raddoppiato la sua produzione di grano. Tale produzione è principalmente finalizzata all’export, per cui ad oggi la Russia è il primo esportatore mondiale di grano, che soddisfa circa il 20% della domanda sul mercato mondiale.

I principali acquirenti sono i bacini nordafricani e mediorientali, che sono fortemente dipendenti dalle importazioni di grano, con l'Egitto e la Turchia in testa.

Anche l'Ucraina, come la Russia, è un importante produttore di cereali grazie alle sue terre nere, nell'est del Paese: il terreno più fertile al mondo, il famoso Chernozem, profondo e molto ricco di humus. La sua produzione è anche fortemente orientata all'esportazione: quinto esportatore mondiale di grano, quarto esportatore mondiale di mais. Anche i suoi principali partner commerciali sono i bacini del Nord Africa e del Medio Oriente, direttamente accessibili dalle rotte marittime del Mar Nero.

Le terre che costeggiano il Mar Nero forniscono quindi il 30% del commercio mondiale di grano e il 15% di quello di mais.

Oltre a grano e mais, la Russia e l'Ucraina esportano oltre il 50% di olio di girasole e panello e sono i principali produttori mondiali di girasole.

Il panello è utilizzato principalmente nell'industria avicola, come alternativa ai semi di soia: la sua disponibilità e quindi il suo prezzo incidono direttamente sul prezzo dei mangimi per pollame e anche, in misura minore, dei mangimi per suini.

Impatto sulla produzione e sulle importazioni
di carne suina in Ucraina

La crisi tra Russia e Ucraina porterà certamente a un calo della produzione di carne suina ucraina, ma anche delle sue importazioni. Ciò penalizzerà direttamente il mercato europeo, ma in modo mirato e limitato. La produzione di carne suina in Ucraina è stabile, con circa 750.000 tonnellate prodotte ogni anno negli ultimi anni. La domanda interna è scarsa a causa del potere d'acquisto limitato, soprattutto in seguito alla crisi del 2014, che si traduce in un consumo di meno di 20 kg di carne pro capite/anno, molto inferiore alla vicina Polonia.
Le importazioni sono quindi limitate a forniture complementari di carne, frattaglie e grassi per i trasformatori nazionali e rappresentano circa il 5% delle forniture interne. La produzione nazionale è stata limitata, negli ultimi anni, dalla diffusione della Peste suina africana nelle aziende agricole. Il conflitto in corso con la Russia indebolirà la produzione di carne di maiale ucraina, e anche il commercio con i suoi partner.

L'Unione europea esporta circa 93.000 tonnellate di carne suina e sottoprodotti all'anno in Ucraina. Sono registrati flussi regolari dalla Polonia e più marginalmente dagli altri Paesi dell'Unione. L'Ucraina è un mercato di fuga per la carne suina europea quando l'offerta europea è troppo alta e la domanda asiatica si indebolisce. Nel 2021, le vendite in Ucraina erano aumentate di quasi il 16% in un anno. Il conflitto potrebbe rappresentare una vera difficoltà soprattutto per gli esportatori polacchi (55.3000 tonnellate all'anno).
Un altro fattore impattante per la produzione ucraina: la prevista interruzione delle importazioni di animali vivi, in particolare di riproduttori. Nel 2021, l'Ucraina ha importato 6.200 animali da riproduzione, per un valore di 4,9 milioni di euro. Le aziende genetiche danesi (58% degli approvvigionamenti) e francesi (37%, o 2.260 capi per 1,3 milioni di euro) molto probabilmente risentiranno di un calo di questi sbocchi nei prossimi mesi.

Impatto sulla produzione e sulle esportazioni
di carne suina in Russia: l
a guerra come fattore di crescita?

Il conflitto potrebbe anche avere un impatto sulla produzione russa e sulle esportazioni del Paese. Attualmente, anche la produzione di carne suina in Russia è rallentata dall'epidemia di Peste suina africana.

Nel 2021 la crescita è stata del 2,5%contro il +8,6% del 2019. La strategia a lungo termine del Paese è quella di mantenere lo sviluppo della sua produzione, che è autosufficiente dal 2018, e di diventare un attore mondiale nel settore della carne suina. Mentre le sue importazioni si sono esaurite, negli ultimi due anni, il Paese è andato in surplus di carne suina e ha iniziato ad esportare. Il conflitto potrebbe portare a una riduzione delle esportazioni di cereali, in particolare del frumento, a causa delle difficoltà logistiche derivanti dalle sanzioni internazionali e dal conflitto che colpisce il Mar Nero, un punto di transito per le esportazioni russe e ucraine di materie prime. L'abbondanza di materie prime sul suolo russo potrebbe quindi essere favorevole alla formazione di un'eccedenza esportabile di carne di maiale.

 

Perdita di un importante sbocco all'esportazione,
ma l'Asia è un'alternativa

In termini commerciali, l'Ucraina e la Bielorussia sono i principali sbocchi per il mercato russo. Le perturbazioni geopolitiche in questo settore avranno un impatto sul commercio della carne suina. I flussi verso l'Ucraina, che sono attualmente al tasso di 4.000 tonnellate al mese, saranno inizialmente ridotti. Questo lascerà più disponibilità per conquistare altri mercati, in particolare in Asia. In un contesto in cui la concorrenza è feroce sul mercato asiatico, lo sviluppo delle quote di mercato russe avrebbe un impatto sugli esportatori europei.

Da quando la Russia ha raggiunto l'autosufficienza, il Paese ha sviluppato le sue esportazioni verso i mercati mondiali. Nel 2021, la Russia ha esportato 250.000 tonnellate di carne di maiale e coprodotti. I principali mercati sono in Europa occidentale (Ucraina, Bielorussia) ma anche in Asia (Vietnam, Kazakistan, Hong Kong).

 

Commercio UE/Russia: status quo

Da molti anni, la Russia è uno dei principali partner dell'Unione europea nel settore suinicolo. Ma dall'embargo del 2014, il rapporto tra le due potenze è quasi inesistente. La Russia importa quantitativi minimi di carne suina e di sottoprodotti (14.700 tonnellate) e l'Ue rappresenta solo il 10% delle sue forniture.

Dall'embargo europeo contro la Russia, una piccola parte del commercio di animali vivi è rimasta. Nel 2021 l'Ue e il Canada hanno esportato in Russia circa 14.100 suini, per un valore di 12 milioni di euro. Si tratta principalmente di animali riproduttori. Il commercio con la Russia potrebbe essere interrotto, il che penalizzerebbe pesantemente i danesi (25% delle forniture) e gli olandesi (37%).

Nel dicembre 2017, per motivi sanitari, la Russia ha vietato le importazioni di carne suina e bovina dal Brasile. L'embargo è stato parzialmente revocato nel dicembre 2021. La Russia ha riaperto un contingente di 100.000 tonnellate per la carne brasiliana. Finora, il governo brasiliano non ha condannato direttamente gli attacchi della Russia, ma il ministro degli Esteri brasiliano ha chiesto una sospensione delle ostilità contro l'Ucraina. Questa posizione politica nei confronti della Russia potrebbe incidere sulle relazioni tra i due Paesi. Tuttavia, il surplus attuale e atteso in Russia e la debolezza del rublo dovrebbero tradursi in una domanda di importazioni particolarmente lenta dalla Russia.

In conclusione, il conflitto tra Russia e Ucraina interromperà il commercio internazionale. Tuttavia, gli effetti diretti del conflitto sono limitati per la maggior parte dei principali esportatori internazionali, dato che l'Ucraina e la Russia partecipano relativamente poco al commercio internazionale di prodotti suini. Le aziende europee di genetica suina saranno penalizzate dal conflitto, il commercio di riproduttori in Ucraina e Russia rappresenta 13,7 milioni di euro all'anno.

A medio termine, le tensioni tra Russia e Occidente e il riavvicinamento con l'Oriente potrebbero favorire l'origine russa nelle forniture asiatiche di cereali e carne suina, in concorrenza con altre origini, tra cui l'Ue.

Guerra Russia-Ucraina: l’Asia come possibile vincitrice - Ultima modifica: 2022-04-14T14:34:00+02:00 da Rivista di Suinicoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome