La Cina punta sui mega-allevamenti per prevenire la diffusione di virus e batteri

mega-allevamenti
L’obiettivo è quello di allevare in un singolo luogo molti animali così da spazzare dal campo le piccole fattorie tradizionali colpite dalle recenti epidemie di malattie animali. La scommessa è che la tecnologia possa tenere lontano le malattie aumentando l'efficienza produttiva

Le autorità sanitarie cinesi non sono preoccupate solo per il Covid-19, scrive "Les Echos", ricordando che da tre anni la Cina combatte un'altra epidemia, la Peste suina africana. Per arginare la diffusione della malattia - scrive il giornalista francese Etienne Goetz - le tecniche di produzione si stanno industrializzando con progetti di mega-agricoltura ad alta tecnologia che operano in isolamento. Gruppi come Muyuan Foods o New Hope costruiscono edifici su più piani, addirittura fino a tredici, che ospitano quasi mille suini per livello.

Con diversi grandi ali riunite in complessi, questi allevamenti possono contare fino a più di 30mila suini. A titolo di confronto, l'allevamento medio in Francia concentra 200 suini, in Danimarca 800 e negli Stati Uniti si può arrivare a 3mila, ricorda il rapporto Cyclope sulle materie prime.

Un esempio di questi nuovi impianti citato da "Les Echos" è nei pressi di Pechino, dove il New Hope Group ha appena completato la costruzione di tre edifici di cinque piani su un'area di 20 campi da calcio. Questa "fabbrica", di cui si sente l'odore ad almeno 1 chilometro di distanza, ha una capacità produttiva di 120mila suini all'anno. Lì si fa tutto, non per il benessere degli animali, ma per proteggere gli allevamenti dalla comparsa e dalla diffusione di virus e batteri. Gli animali vengono trasportati con ascensori, gli edifici ventilati con un'unità di condizionamento dell'aria, robot monitorano la loro temperatura per rilevare eventuali febbri anomale, sistemi automatici distribuiscono cibo e disinfettano i locali.

La Cina punta sui mega-allevamenti per prevenire la diffusione di virus e batteri - Ultima modifica: 2021-08-30T14:23:52+02:00 da Rivista di Suinicoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome