Toscana: agricoltori autorizzati a difendere i fondi dai cinghiali

cinghiali
Con il coordinamento della polizia provinciale e degli Ambiti territoriali di caccia

Svolta decisa della Giunta della Regione Toscana che con l’ordinanza del presidente Giani autorizza finalmente i proprietari e i conduttori dei fondi muniti di licenza di caccia ad attivarsi direttamente per difendersi dai cinghiali, sotto il coordinamento dell’agente responsabile individuato dalla Polizia provinciale e dalla Polizia della Città metropolitana di Firenze.
Plaude Coldiretti Toscana all’ordinanza regionale che disciplina l’attività venatoria ed il controllo faunistico, assieme ad altri provvedimenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per la zona arancione.
«Esprimiamo soddisfazione ed apprezzamento per l’Ordinanza firmata dal presidente Giani che accoglie le nostre richieste, proprio nel momento di maggiore criticità nel contenimento della presenza di ungulati sul territorio», afferma il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi.

Peste suina africana
Coldiretti Toscana aveva aperto il confronto su questi temi sin dal primo incontro con l’Assessore regionale all’Agroalimentare Saccardi e se ne raccolgono i frutti con gli impegni mantenuti grazie alla firma dell’Ordinanza n° 2020AP000330.
«Chiederemo all’Assessore Saccardi un immediato confronto con le Polizie provinciali e il Coordinamento regionale degli Atc - precisa Filippi - con la volontà di dare la massima collaborazione per lo snellimento delle procedure autorizzative, utili a rendere efficace quanto previsto dall’Ordinanza», aggiungendo che dopo questo primo atto tanto atteso «serve che i contenuti del provvedimento divengano norma aldilà dell’emergenza Covid, quando si potrà tornare alla normalità».
Per Coldiretti Toscana è inderogabile, in relazione al contenimento della fauna selvatica ed in particolar modo degli ungulati, che la Regione Toscana intervenga in maniera decisa e decisiva nelle operazioni di contenimento dei cinghiali.
«Per effetto del Covid, con le limitazioni alla movimentazione in città e nelle aree rurali - aggiunge il presidente Filippi - si è registrata nelle campagne una proliferazione degli ungulati che scorrazzano liberamente, con un aumento esponenziale dei danni alle produzione agricole».

Toscana: agricoltori autorizzati a difendere i fondi dai cinghiali - Ultima modifica: 2020-12-14T18:22:47+01:00 da Rivista di Suinicoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome