Settembre: 1,531 €/kg il prezzo del suino pesante

prezzo del suino
La redditività della suinicoltura aumenta del 9,7% rispetto al mese precedente. Miglioramenti anche nelle fasi di macellazione e stagionatura

A settembre il prezzo medio mensile dei suini da macello destinati al circuito tutelato è stato pari a 1,531 euro/kg (prezzo del suino a peso vivo) per la tipologia pesante, in crescita del 9,7% su base mensile, così come emerge dal report mensile del Crefis – Centro ricerche economiche sulle filiere sostenibili. Mentre per i suini di peso 144-152 kg e 152-160 kg le quotazioni sono state pari rispettivamente a 1,441 euro/kg (+10,4%) e a 1,471 euro/kg (+10,2%). Si registra però, per tutte le tipologie di peso, un calo tendenziale dell’8%. In aumento anche le quotazioni dei suini da macello pesanti destinati al circuito non tutelato, con il prezzo del suino medio mensile pari a 1,418 euro/kg: +9,9% la variazione congiunturale e -9% quella tendenziale e anche per la tipologia leggera, ovvero per i suini di peso 90-115 kg, il valore è stato di 1,268 euro/kg (+11,2% la variazione congiunturale). Per i suini leggeri però la variazione rispetto allo stesso mese del 2019 è negativa e pari all’11%.

In crescita le quotazioni dei suini da allevamento; in particolare, sempre a settembre, il prezzo dei capi di 30 kg è salito del 7%, arrivando a 2,364 euro/kg; un valore comunque inferiore del 9,6% a quanto registrato nello stesso periodo dell’anno scorso.

Date queste dinamiche di mercato, a settembre risulta positivo anche l’andamento della redditività della suinicoltura, che aumenta del 9,7% rispetto al mese precedente; anche se bisogna sottolineare che la variazione tendenziale (ovvero rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso) è negativa (-11,7%).

Tabella - Prezzo del suino italiano: settembre 2020

Cun suini e suinetti Medie mensili (€/kg) settembre 2020 Variazioni %
set. 2020/             ago. 2020 set. 2020/           set. 2019
Suini da macello - circuito tutelato
144-152 kg 1,441 10,4 -8,3
152-160 kg 1,471 10,2 -8,1
160-176 kg 1,531 9,7 -7,8
Suini da macello - circuito non tutelato
90-115 kg 1,268 11,2 -10,6
144-152 kg 1,328 10,7 -10,2
152-160 kg 1,358 10,4 -10,0
160-176 kg 1,418 9,9 -9,6
Suinetti
7 kg (euro/capo) 41,550 2,8 -9,6
30 kg 2,364 7,0 -9,6
Fonte: elaborazioni Crefis su dati Cun suini da macello e da allevamento

Macellazione: prezzi in aumento

Lo scorso mese – sempre secondo i dati Crefis – ha visto un andamento in crescita anche per il mercato dei tagli freschi. Le quotazioni delle cosce fresche pesanti destinate a produzioni tipiche sono infatti salite a 3,743 euro/kg: +8,5% a livello congiunturale, ma -11,6% a livello tendenziale. E nell’ultimo mese sono aumentati anche i prezzi delle cosce fresche destinate a produzioni non tipiche, con variazioni su base mensile pari a +9%; mentre la variazione su base annuale è negativa (-16,5%).

prezzo del suinoPositiva anche la situazione dei lombi: il “taglio Padova” è salito dello 0,6% rispetto al mese precedente, fermandosi a 3,875 euro/kg e facendo registrare una variazione tendenziale del +5,8%.

In crescita nell’ultimo mese è stato anche il prezzo della coppa fresca refilata da 2,5 kg (+6,4%) che è andato così a toccare il valore più alto di sempre pari a 5,228 euro/kg. Variazione congiunturale positiva (+12,6%) si è registrata anche per la pancetta fresca squadrata da 4/5 kg, quotata a 4,433 euro/kg. Rispetto allo scorso anno, l’attuale quotazione della coppa è risultata superiore del +2,1%, mentre quello della pancetta è maggiore del 10,5%. Il prezzo del lardo fresco invece, sempre in settembre, è rimasto stabile a 2,900 euro/kg per il prodotto di spessore 3 cm e a 3,700 euro/kg per quello di spessore 4 cm. Positive le variazioni tendenziali.

Nonostante il mercato sia andato bene, i maggiori costi per l’acquisto dei suini da macello hanno comportato una diminuzione della redditività della macellazione: -5,6% secondo l’indice Crefis.

 

Stagionatura: leggero miglioramento

La quotazione del Prosciutto di Parma Dop a settembre fa rilevare una, seppur debole, crescita dopo un periodo di stagnazione dei prezzi. La quotazione media mensile del prodotto pesante ha raggiunto i 7,838 euro/kg; +0,5% su agosto. Si tratta di quotazioni comunque basse – sottolineano dal Crefis – tanto che la variazione tendenziale è pari a -2%. Nell’ultimo mese sono aumentate anche le quotazioni dei prosciutti non tipici, con valori di 6,125 euro/kg per la tipologia pesante con +0,8% a livello congiunturale e +2,1% a livello tendenziale.

prezzo del suinoLa redditività del segmento del Prosciutto di Parma Dop per quanto riguarda le cosce pesanti segna un -5%; ciò significa che, nonostante l’aumento dei prezzi di vendita dei prosciutti, l’elevato costo di acquisto delle cosce fresche sostenuto dagli stagionatori a settembre 2019 ha gravato sulla perfomance economica del segmento.

Situazione analoga per la redditività della stagionatura dei prosciutti generici che mostra un indice tendenziale negativo (-12,3%) pur segnando un aumento a livello congiunturale (+3%).

A settembre quindi si riduce il differenziale di redditività tra le produzioni Dop pesanti e quelle generiche, rimanendo comunque positivo, e dunque a favore delle prime (+11,3%).

 

Settembre: 1,531 €/kg il prezzo del suino pesante - Ultima modifica: 2020-10-13T10:17:51+02:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome