#Coronavirus, carne suina: prezzi all’osso

prezzo del suino
Il prezzo dei suini vivi scende e la grande distribuzione li taglia a sua volta. Veneto e Lombardia lanciano l'allarme speculazioni

I produttori trevigiani di carne suina lanciano l’allarme speculazioni sul settore che, a causa della chiusura di bar e ristoranti e con il turismo azzerato, sta soffrendo fortemente soprattutto nel comparto dei prosciutti dop. Ora però stanno crollando anche i prezzi di tutti i tagli freschi, che fino ad ora stavano tenendo botta dando un po’ di ossigeno alle aziende agricole.

Da 1,80 euro al chilo a 1,45

«A causa dell’emergenza coronavirus le macellazioni sono a regime ridotto – spiega Rudy Milani, presidente degli allevatori di suini di Confagricoltura Veneto – , in quanto c’è stato un calo dei consumi dovuto alla chiusura di tutto il settore della ristorazione e delle mense scolastiche, che ha costretto anche a una riorganizzazione interna in base alle norme sulla sicurezza legate alla manodopera. Il prezzo dei suini ha subito perciò un drastico calo dei prezzi, scivolando da 1,80 euro al chilo a 1,45. A risentirne fortemente è stato il segmento dei prosciutti dop, un settore che in Italia vale 8 miliardi: la riduzione delle vendite di prosciutto stagionato arriva a punte che vanno dal 60 al 70%. Il prosciutto era già in difficoltà prima e ora temiamo la bastonata, anche perché potremmo perdere i periodi più favorevoli dell’anno per il mercato che sono primavera ed estate, quando i consumi delle dop schizzano in alto e sono legati soprattutto alla ristorazione».

Speculazione su una filiera già in difficoltà

Adesso si aggiunge anche l’andamento calante dei prezzi di tutti i tagli freschi, braciole di lombo e di coppa in primis: «Fino a una settimana fa i prezzi erano buoni, ma poi la grande distribuzione, accortasi della drastica riduzione del prezzo dei suini vivi, ha ben pensato di dire alle industrie di macellazione: visto che pagate meno il vivo, io vi pago meno le braciole. Un’operazione di forte speculazione su una filiera già in difficoltà, che ci riempie di rabbia e di sconforto, anche perché il prezzo della carne sui banchi della Gdo sta salendo. C’è il rischio, se continua il trend, che il prezzo dei suini vivi scenda ancora. Tutto questo mentre intanto il costo delle materie prime aumenta, basti pensare al prezzo dei cereali».

Salvarani: comportamento poco corretto di alcune aziende

«A questa situazione di fatto – spiega Stefano Salvarani, presidente della Federazione regionale di prodotto suinicola di Confagricoltura Lombardia – si aggiunge il comportamento poco corretto di alcune aziende che cercano di speculare rispetto a questa emergenza».

«Comprendiamo molto bene che la situazione generata da questa epidemia colpisce tutti – continua Salvarani –, dagli allevamenti passando per l’industria fino alla grande distribuzione. Tuttavia – continua – non è possibile che a pagare le spese sia sempre l’anello più debole della filiera che peraltro, dovendo operare con l’animale vivo, non può fermarsi per venti giorni e poi riprendere».

Confagricoltura Lombardia chiede quindi, soprattutto agli attori della filiera dei prosciutti Dop, di assumersi le proprie responsabilità all’interno del difficile contesto che l’Italia sta affrontando. «Se siamo davvero una filiera – conclude Salvarani –, ciascuno deve fare la propria parte: scaricare i costi di questa grave crisi su noi allevatori è un gioco che rischia di far saltare il sistema».

 

 

#Coronavirus, carne suina: prezzi all’osso - Ultima modifica: 2020-03-30T14:24:28+02:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome