Assocarni, Luigi Scordamaglia è il nuovo presidente

fake meat
«Punteremo sempre più su un modello di filiera integrata e di produzione sostenibile e distintiva», afferma il neoeletto presidente

Si è tenuta nella giornata di ieri l’Assemblea di Assocarni, l’Associazione delle carni aderente a Confindustria, che ha eletto la nuova squadra di presidenza per il periodo 2020-2023. Luigi Scordamaglia, amministratore delegato di Inalca del Gruppo Cremonini, è stato eletto presidente; Piero Camilli, Giampiero Carozza, Antonio Fiorani, Fabio Martini, Elena Angiolini Massironi e Gian Luca Vercelli sono stati eletti vicepresidenti. Rinnovato anche il Consiglio generale dell’associazione.

Luigi Cremonini, fondatore ed ispiratore dell’associazione, rimane di diritto nel Comitato di presidenza.

Assocarni
Luigi Cremonini

Scordamaglia, Assocarni: «Anticipiamo i cambiamenti»

Assocarni«È un momento di grande cambiamento con grandi sfide che bisogna saper cogliere e le associazioni di rappresentanza devono far evolvere la propria funzione superando meccanismi e ruoli non più attuali. Come Assocarni abbiamo sempre anticipato i cambiamenti e vogliamo continuare a farlo con tutte le sinergie possibili, puntando sempre più su un modello di filiera integrata e di produzione sostenibile e distintiva», lo ha dichiarato al momento dell’insediamento il neopresidente ricordando che l’intera filiera delle carni vale in Italia 32 miliardi di euro con oltre 180.000 addetti complessivi.

Assocarni, Luigi Scordamaglia è il nuovo presidente - Ultima modifica: 2020-10-01T10:36:08+02:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome