Psa, Fao e Oie insieme per controllare i contagi

Peste suina
L'intervento delle due organizzazioni per sostenere i Paesi nel controllo della diffusione di questa grave malattia

Fao e Oie (rispettivamente Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e Organizzazione mondiale della sanità mondiale) hanno deciso di intervenire insieme, a livello globale, per sostenere i Paesi nel controllo della diffusione della Peste suina africana. Nel concreto, l’iniziativa delle due Organizzazioni mondiali è finalizzata a migliorare la capacità degli Stati di controllare, quindi prevenire, fronteggiare ed eradicare gli eventuali focolai che dovessero insorgere grazie all’adozione degli standard messi a punto dall’Oie e delle migliori pratiche che si fondano sulle più recenti evidenze scientifiche. Cooperazione e coordinamento sono alla base dell’accordo stretto tra Fao e Oie che investe di un ruolo fondamentale i servizi veterinari, pubblici e privati, a cui è demandato il compito di adottare i più stringenti criteri di trasparenza nella notifica di eventuali casi di contagio.

La situazione nel mondo 

Psa

Nel mondo, attualmente, i Paesi dove gli allevamenti suinicoli sono stati colpiti dalla Peste suina africana sono più di 50, distribuiti tra Asia, Africa, regione del Pacifico ed Europa. Il suo impatto è devastante perché impone l’abbattimento dei capi allevati – solamente nella settimana dal 26 giugno al 9 luglio scorsi, in Asia sono stati abbattuti poco meno di 17mila maiali –  e l’inevitabile, conseguente danno economico sia per l’azienda interessata che per l’intero comparto suinicolo. L’assenza di un vaccino espone le porcilaie di tutto il mondo al rischio infettivo, soprattutto perché, come ha sottolineato la vicedirettrice generale della Fao, Maria Helena Samedo, “in un mondo globalizzato le malattie possono diffondersi rapidamente tra i confini”.

Per sostenere gli sforzi dei paesi

L’accordo tra Fao e Oie intende sostenere gli sforzi messi in campo dai vari Paesi per contrastare la malattia, rafforzare le misure di controllo e ridurre il suo impatto, un’azione che dovrebbe portare a una contrazione dei contagi, delle perdite di animali riducendo il numero dei Paesi interessati, con nessun nuovo Stato che andrebbe ad allungare la lista di quelli colpiti dalla malattia.

La campagna di sensibilizzazione Efsa

Intanto, dal canto suo l’Efsa (Agenzia europea per la sicurezza alimentare) nei mesi scorsi i ha avviato un’importante campagna di sensibilizzazione per contrastare la diffusione della malattia nell’Europa sudorientale coinvolgendo i Paesi inseriti in quella che è stata definita “area di preoccupazione” per la loro vicinanza a quelli in cui si sono registrati dei focolai. Parliamo di Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e Slovenia.


giornata della suinicoltura 2019La Psa (Peste suina africana) sarà il tema al centro del dibattito della prossima edizione della Giornata della Suinicoltura che si terrà il 2 Dicembre 2020  a Reggio Emilia, presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi, una struttura moderna e funzionale in grado di accogliere pubblico e relatori in condizioni di totale sicurezza.

Per saperne di più clicca qui 

Psa, Fao e Oie insieme per controllare i contagi - Ultima modifica: 2020-09-10T12:54:27+02:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome